Valeria Saracco | Liguria
576
archive,tag,tag-liguria,tag-576,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Questo è un articolo che ha reminiscenze salate, ma è dolce. Molto dolce. Vi sto per annunciare il più buon Krapfen della costa ligure. Adesso sto per cominciare con la 'manfrina' del quando ero piccola (se non reggete chiudete pure, non mi offendo) .
Un nuovo post reduce delle vacanze e un augurio dal mio profondo del cuore di buon anno, buon natale e buona befana. Chiedo venia di aver latitato fino ad oggi, ma a volte si ha il bisogno di staccare per ricaricarsi. Il mio modo per farlo?  Una vacanza stile bebè con vecchie abitudini collaudate, rituali e natura. Il mio rifugio, come da un po' sapete, è la Liguria, terra della mia infanzia.
La Liguria amata e odiata terra aspra a picco sul mare. Bella da mozzare il fiato, buona da capogiro che crea dipendenza. Troppo faticosa d'estate quando si riversano fiumi di turisti dal piemonte e dalla Lombardia. Eppure per noi piemontesi, la Liguria è una seconda casa.