Valeria Saracco | Gusti e Sapori
4943
page-template,page-template-blog-masonry,page-template-blog-masonry-php,page,page-id-4943,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Gusti e Sapori

La stagione è quella giusta per portare i soci del Club Diners insieme a noi a conoscere uno degli chef di una delle isole più belle d’Italia. L’isola con la I maiuscola, la nostra Sardegna, meta di vacanze per tantissimi italiani da sempre, mare caraibico, natura selvaggia, prodotti genuini, storia, tradizione fanno di questo posto una destinazione che non stanca mai. Lo chef di questo mese è Luigi Pomata, solare, simpatico con un sorriso contagioso mi accoglie nel suo ristorante “Da Luigi Pomata” a pochi passi dal lungomare...

Oggi ho voglia di raccontarvi di Fanceat. Innanzitutto vi spiego cos’è. Fanceat è una startup torinese doc, creata da ragazzi che hanno avuto l’idea di spedire direttamente a casa un intero menu da fare come se si fosse al ristorante, in poco tempo.

Dopo aver letto il libro, Il Sale della Vita di Pietro Leemann è naturale iniziare a farsi delle domande: su come mangiamo, sul perché delle nostre abitudini e forse anche qualche domanda in più sul senso della vita e di come abbiamo deciso di viverla. Il suo libro racconta la sua vita e il suo percorso da chef.

Si parte per una nuova esperienza con Marcello Trentini.  Da un'iniziativa di Turismo Torino e Provincia e Città di Torino che ha fatto entrare Torino, unica città italiana, nel 2012 all'interno della rete Délice, rete internazionale che promuove le eccellenze culinarie e la buona gastronomia.  Bruxelles – riconosciuta come città gourmet internazionale - in occasione dell’iniziativa “Tram Experience”, un progetto di VisitBrussels,  dà la possibilità alle persone di gustare eccellenze gastronomiche internazionali.
Non fermarsi mai alla forma. A dire il vero non sapevo dell'esistenza di questo posto tutto torinese in via Garibaldi, forse non mi avessero invitato, non avrei avuto nemmeno la curiosità di fermarmi, invece chiedo venia e mi devo ricredere. Quando si va oltre l'insegna, che in questo caso non ha catturato nessuna delle mie corde, un po' perché se posso evito la pasta, quando non è un'occasione speciale, un po' perché era troppo importante per il mio stile sabaudo.

Vi ho abbandonato per il mese di gennaio, chiedo venia, ma ho dovuto lavorare su più fronti. Tra le altre cose, gennaio è un po' come il lunedì ci si mette un sacco di obbiettivi (tra cui le diete), ma poi aumenta la frustrazione di non riuscire già dai primi passi a mantenersi le promesse. Insomma tutto ciò che è legato al nostro cibo sono spesso illusioni. Chi è rotondetto dice che mangia poco, chi è magro dice che mangia tantissimo. Ci raccontiamo in buona fede  un sacco di...

Finalmente hanno aperto un altro luogo dove mangiar fuori senza troppi danni alla linea e alla salute, Selezione Naturale piatti vegetariani per ogni giorno. Li giro tutti in lungo e in largo, adoro mangiar veg a pranzo con le amiche dopo aver fatto la spesa o il sabato dopo lo shopping.
Siamo tutte Cenerentole al contrario, inseguendo una fiaba che ci ha sviato. Volevamo la scarpetta, il principe secondo i canoni imposti e invece ci siamo ritrovate adulte e schiantate con tutta una realtà da re-inventare e un sè da ricostruire.