Valeria Saracco | Bottega Baretti San Salvario
1420
post-template-default,single,single-post,postid-1420,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Bottega Baretti San Salvario

Ci sono amori che non partono subito, ma sono lenti, in cui c’è bisogno di conoscersi, di annusarsi, di guardarsi per un po’, di frequentarsi. Con la Bottega Baretti è stato così. La prima volta che hanno aperto vivevo in San Salvario e la grandezza del locale mi ha infastidito, lo stile era diverso dagli altri locali del quartiere, un po’ ‘troppo elegante, un po’ troppo nero, un po’ troppo moderno.

Con la mia diffidenza l’ho provato e a fatica ho dovuto ricredermi. Una formula, tre specialità: la pizza, il galletto e gli arrsoticini direttamente dall’Abruzzo. Devo ammetterlo: pian piano che li conosco li apprezzo li stimo e mi sto affezionando. La qualità delle materie prime si sente, sono generosi e lo capisci dai loro piatti, perché vicino all’hamburger di vitello o di tacchino trovi il contorno di tre verdure, la senape in grani e poi la volta dopo ti aggiungono il flan di verdure e magari dei bastoncini di polenta fritta. Gli arrosticini sono numerosi, il galletto non è mai asciutto, ma croccante e tenero all’interno e le pizze sono speciali magari scegliendo quella con i fiori di zucca. Hanno voglia di farti sempre una sorpresa, ogni volta che vai scopri quanta passione ci mettono nel loro lavoro, non ti lasciano mai insoddisfatto; se c’è gente e si deve aspettare trovano il modo per farti sedere, hanno capito che hai fame. Il servizio è veloce, i ragazzi in sala sono sempre sorridenti gentili perspicaci e intuitivi. Hanno avuto l’umiltà nonostante siano arrivati con un’astronave, di farsi conoscere, di non imporre il loro modus.

Hanno capito che arrivavano su un pianeta differente dal resto della città, ne hanno rubato i parcheggi,è vero, ma li hanno sostituiti di umanità. In questo locale dai mattoni a vista e le luci soffuse, e i tavolini neri e gli arredi un po’ stile “locale nordeuropeo” hai voglia di tornare sempre, e al momento di pagare ti viene proprio il desiderio di offrire la cena a chi è con te. Lo fai con gioia, forse è il primo posto dove provo gioia davanti alla cassa, perché hai mangiato bene senza spendere troppo. Tutto ti ha soddisfatto e Bottega Baretti nella loro indubbia generosità ti prepara  alla serata negli gli altri locali. Sul lungo tempo questi giovani danno veramente il meglio e l’amore cresce.

Bottega Baretti

Via sant’anselmo, 28/f
10100 – Torino (TO) italia

tel: 011.7900331

5 Comments
  • Renella
    Posted at 12:11h, 17 Apr

    perfetta interpretazione del posto!

  • duendeturin
    Posted at 14:00h, 17 Apr

    valeria sai dare vita ad uno stile nuovo di lettura dei locali che riempie di immagini e colori e sensazioni tutti i tuoi post. la voce del cuore che si riflette nelle parole scritte. brava!

  • lagonzi
    Posted at 18:32h, 17 Apr

    Concordo! Ora è il ns. rifugio se torniamo tardi dal lavoro o un galletto e una buona pizza veloci e con poca spesa ci attendono! 😉

  • Pina Rossi
    Posted at 13:07h, 18 Apr

    Valeria, sei un vulcano… è impossibile starti dietro e provare tutti i posti che suggerisci!!! me ne sono già appuntati 5, ma non so se riuscirò mai a provarli… il mio fidanzamento dura da troppo tempo!
    complimenti per il tuo lavoro!
    Pina

  • Vittorio Rusinà (@tirebouchon)
    Posted at 06:08h, 28 Apr

    ero dubbioso se andarci, dopo aver letto queste tue note ho deciso: ci andrò!

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.