Valeria Saracco | Luigi Pomata, il Re del Tonno
5021
post-template-default,single,single-post,postid-5021,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Luigi Pomata, il Re del Tonno

La stagione è quella giusta per portare i soci del Club Diners insieme a noi a conoscere uno degli chef di una delle isole più belle d’Italia. L’isola con la I maiuscola, la nostra Sardegna, meta di vacanze per tantissimi italiani da sempre, mare caraibico, natura selvaggia, prodotti genuini, storia, tradizione fanno di questo posto una destinazione che non stanca mai. Lo chef di questo mese è Luigi Pomata, solare, simpatico con un sorriso contagioso mi accoglie nel suo ristorante “Da Luigi Pomata” a pochi passi dal lungomare del porto di Cagliari. Eh sì! Si possono avere tante fortune e lui se n’è costruite molte… Un locale eclettico per tutte le esigenze, un bistrot e una pizzeria gourmet che si snodano in un unico isolato. L’arredamento è accogliente, giovane e moderno. Qui Luigi Pomata ha costruito il regno gastronomico del tonno di Carloforte, suo paese di origine che ha caratterizzato la sua cucina, passando da Londra a New York.

 

Ci racconti la tua cucina? Hai sempre un ospite d’onore nei tuoi piatti, il tonno di Carloforte. Quanto la tua cucina è legata al territorio e quanto lasci entrare le contaminazioni?

La mia è una cucina semplice, ogni piatto è composto da pochi ingredienti con abbinamenti studiati, accostamenti importanti che vogliono valorizzare sapori un po’ dimenticati e accostamenti insoliti.

 

Vengo considerato lo “Chef del Tonno Rosso”, in parte è vero, questa è la tradizione della mia terra, ma resto pur sempre un curioso che ama sperimentare e ritengo indispensabile valorizzare la materia prima, reinterpretare piatti della tradizione per portarli in modo sempre attuale sulle tavole dei nostri giorni. Come consuetudine amo ricercare l’eccellenza: se vivi in un’isola ricca come la nostra sei quasi obbligato ad approvvigionarti esclusivamente da produttori locali, ma se vuoi un buon baccalà deve arrivare dal nord Europa perché lì è l’eccellenza; se vuoi un ottimo lardo ci vogliono le vasche di marmo di Colonnata. La legge è preservare le tipicità, quindi dall’Olanda mi arrivano i tulipani…  non di certo i pomodori coltivati in serra! 

Continua a leggere…su Diners For Food.

Luigi Pomata, il Re del Tonno

 

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.