Valeria Saracco | Il Territorio raccontato dal blog – tratto da Torino Magazine
5014
post-template-default,single,single-post,postid-5014,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Il Territorio raccontato dal blog – tratto da Torino Magazine

Valorizzare il territorio con un blog. Un approccio semplice, vero per raccontare un viaggio e un territorio. E’ quello che provo a far da anni. Il blog è un diario personale in cui segnare ricette, appunti, pensieri, itinerari e, spesso, può diventare un vero e proprio diario di bordo per un nuovo viaggio. Esistono molte tipologie di blog, ma alla fine tutti hanno un comune denominatore che è quello di raccontare e raccontarsi, informare e consigliare, a volte con pensieri in libertà, a volte con link, indirizzi, e contatti. Ecco che diventa interessante viaggiare con carta penna o con il proprio mac per segnare tutto ciò che vediamo e viviamo. Ognuno a suo modo. C’è chi annota tutto su un agenda e poi riporta un racconto. Chi torna a casa la sera e si mette subito a scrivere in una stanza d’albergo. Una volta, quando non esistevano i blog, chi amava viaggiare faceva tantissime foto e diapositive o scriveva mail lunghissime mail agli amici per raccontare le tappe di un viaggio. I più sfortunati venivano catturati per la famosa serata di 3500 diapositive da visionare tutti insieme. Serate che finivano tendenzialmente con un crollo narcolettico dei più.  

Certo è che chi viaggia quasi sempre ha voglia di raccontare le proprie scoperte. E’ il processo molto umano e istintivo della condivisione della felicità, di un attimo.

Ora avviene in maniera più veloce, più smart, attraverso i social. Non solo il famoso diario o Blog, ma anche e sopratutto una storia su Facebook, un video delle nuove stories di instagram. La condivisione è sempre più impellente, veloce e fatta in pillole.

Diventa così, dopo anni di esperienza, sempre più chiaro come un territorio possa sfruttare questi canali per promuoversi. Ancora più impellente diventa forse la necessità delle piccole realtà imprenditoriali, ricettive e turistiche di farsi raccontare da chi fa loro visita. Ancora più impellente lo  per gli enti turistici locali che ormai hanno, da anni, raccolto la sfida di intercettare influencer o blogger in grado di raccontare il proprio territorio.

A Valencia l’ente del turismo è un esempio di buone prassi. Mi capitò di passare un weekend, scrissi una mail, raccontai di me e del mio blog. In pochi giorni mi organizzarono un tour ad hoc. In quel momento feci il giro di tutte le nuove strutture ricettive appena inaugurate e di ristoranti, bistrot, hotel, mostre. Per loro fu un occasione unica per dare visibilità alle nuove aperture. Ognuno mise la sua parte, il costo per ognuno fu irrisorio: chi una cena, chi una stanza da letto, un pass per musei e uno per i trasporti e in pochi giorni diedero spazio a chi ancora non aveva fatto l’ingresso nel panorama social per una clientela tutta italiana.

Basta un po’ di buona volontà e la collaborazione di tutti.

No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.