Valeria Saracco | Diario
1106
archive,category,category-diario,category-1106,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Quando tutti dicono che avere un blog non serve più e nessuno lo leggerà più, io ho deciso come sempre di andare contro corrente e di restaurare la mia casa sul web. I motivi per cui ho deciso di intraprendere questa fase sono molteplici. Ho riconosciuto dei miei limiti e delle mie potenzialità e da lì sono voluta ripartire. Quando tutti parlano di socialblogging, che significa scrivere su piattaforme già esistenti  come LinkedIn Pulse e Facebook Note che stanno rubando la scena a quella che era una funzione tipica del blog, io decido di reinvestire sulla mia piattaforma wordpress.

Aprii il mio blog circa sei anni fa e lo feci un po’ per gioco e un po’ per curiosità. Per lavoro ero spesso a cena fuori, la mia passione come nutrizionista e sopratutto per il cibo in generale mi portò a fare umili recensioni dei ristoranti che frequentavo. In quegli anni non sospetti incontrai tantissime persone (e non a caso non le chiamo blogger, ma persone) che avevano aperto un blog per le ragioni più disparate.

Valorizzare il territorio con un blog. Un approccio semplice, vero per raccontare un viaggio e un territorio. E’ quello che provo a far da anni. Il blog è un diario personale in cui segnare ricette, appunti, pensieri, itinerari e, spesso, può diventare un vero e proprio diario di bordo per un nuovo viaggio. Esistono molte tipologie di blog, ma alla fine tutti hanno un comune denominatore che è quello di raccontare e raccontarsi, informare e consigliare, a volte con pensieri in libertà, a volte con link, indirizzi, e...

Ieri sono 7 mesi che nutro una creatura. Ieri 20 luglio sono 7 mesi che sono diventata mamma e tutta la mia vita ha subito una grande battuta d’arresto o meglio una forte deviazione di rotta di tutte le mie energie. Non hai scelte, non ha scorciatoie nè le ho volute e cercate. L’unica cosa che potevo fare era dedicarmi con tutta me stessa a ciò che mi stava capitando in quel momento. Non è cambiato molto nel mio modo di affrontare gli eventi. Dò tutta me stessa, stop. Motivo...

A volte gli eventi sono più complessi di quello che sembrano. A volte i legami sono più profondi di quello che immaginiamo. Bob, simpatia a prima vista. Nel mio blog ci ha sempre creduto, persino di più di quanto ci credessi io. Lui semplicemente scovava anime e le aiutava.

Saluto questo 2014 con affetto, con attenzione e con rispetto. Alti e bassi e grandi cambiamenti. Ho lasciato un lavoro a tempo indeterminato portandomi tutto il rischio dell'ignoto senza troppi proclami e senza il desiderio di gridare alla libertà e all'indipendenza del cartellino.

Auguri al blog? Si anche sempre....ma auguri a me, significa auguri a chi scrive e a chi mi ha dato vita. Il 27 giugno è stato il mio compleanno e dopo un tempo troppo lungo di silenzi ho deciso di scrivere, regalarmi un post e qualche foto egocentrata, ecco!
 

Eccoci al solito appuntamento con San Valentino. Il grande giorno. Potrei farvi un decalogo sulle regole dell’amore, non le so. Potrei consigliarvi come far funzionare un amore importante, non lo so.