Valeria Saracco | 2014 marzo
0
archive,date,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
Quante volte non abbiamo il tempo, la voglia e i soldi per andare lontano, e spesso cercando intorno a se  si scoprono motivi per passare degli ottimi weekend nel raggio di pochi km. Proprio in questi momenti si riscoprono le bellezze della propria regione e di quante cose non ha mai fatto proprio dietro casa.
Domani si parte per la Svizzera, qualche giorno, invitata dalla Presenza Svizzera del Dipartimento federale degli Affari esteri,  alla  riscoperta dela  cucina e delle sue tradizioni.
"Fui pronto a tutte le partenze anche quando un viaggio non era altro che la via di un non ritorno...un cofano di automobile o una vela, rapita ad un viaggio inammissibile. Verso Itaca, domando, e l'arresa alla grande illusione o è la ballata più struggente della vita impossibile?"
Continua il nostro tour nelle vie del quartiere Vanchiglia, parte della città che cresce tra la confluenza dei due fiumi, la Dora e  Il Po. Luogo fervente di artisti e artigiani, dove le botteghe sono ancora riconoscibili. In Via Bava 26 viveva Fred Buscaglione e proprio in suo onore da poche settimane è stata nominato il lungo Po dalla parte sinistra di Piazza Castello e dalla parte destra a Gipo Farassino (sarà un caso?) ...ah dipende da dove la guardi.