Valeria Saracco | 2014 febbraio
0
archive,date,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 Tratto da  Mole24 Il nostro giro a Vanchiglia inizia alla scoperta di vecchi e nuovi posti dove godere di una buona cucina e di buone sollecitazioni. Uno dei luoghi che amo di più e che vi consiglio senza riserve si trova in via Santa Giulia 24 e non è un posto nuovo, ma aperto fin dal 1950 e il suo nome è il nome di chi l’ha aperto e ha dedicato una vita.
Ambra  di nome e di fatto. Non so qual è la cosa che ti colpisce di più quando incontri Ambra Orazi del blog Il Gatto Ghiotto, se il suo sorriso folgorante, i capelli sparati fluorescenti o la sua grinta tutta al femminile. Certo è che è lontana da tutti gli stereotipi di donna che immaginiamo. Madre, impiegata, blogger, ex attrice, moglie, amica, è un insieme di tutto, ma non riesci a catalogarla in nessun cassetto.
"E' magia che il baccalà morto stecchito diventi materia che ha creato il proprio paesaggio di salsa bianca e cremosa come un latte fondamentale e solido. Due corpi che mangiano insieme il baccalà al pil pil dalla stessa pentola diventano per forza vasi comunicanti perchè tra essi prende il sopravvento la comunicazione della materia-linguaggio, il pil pil, lingua, fatti, cose che si ascoltano dallo stesso centro  dell'esperienza condivisa. Così parlo Zarathustra. Ma io mi limito a dire che questo è il piatto re dei mari e dei letti, vale a dire, il piatto re di tutte le navigazioni, e che vivere non è necessario, ma navigare sì."