Valeria Saracco | 2012 febbraio
0
archive,date,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
Vi voglio portare con me a Porta Palazzo a fare la spesa, e poi a pranzare insieme scegliendo tra i numerosi posti che offre la zona. Perché un primo appuntamento facendo la spesa insieme è allo stesso tempo intimo e non troppo impegnativo.

Oggi giorno di San Valentino, ho deciso di scrivere una lettera d'amore alla mia città. Non importa cosa decidete di amare oggi, il vostro gatto, il vostro vicino di casa, il vostro fidanzato,fidanzata, i vostri genitori, un' amica Amate qualcuno, ma fatelo con passione. Amare aiuta a guarire da tutte le malattie, non trattiene ma esterna ciò che abbiamo di più prezioso. Non abbiate paura di essere romantici , melensi, ridicoli, amate perché state guarendo. "Ho imparato ad amarti, piano piano crescendo con te, prima inconsapevole. Tutto mi sembrava grande,...

Va bene, ci siamo quasi, ed è un dovere morale per San Valentino non lasciarvi soli, perchè alle ricorrenze volente o nolente, cari amici trasgressivi, controcorrente, anarchici e notavisti, anticonformisti e cinici le aspettative ci sono.
Vi ho già raccontato storie di chef, si in Puglia. Stavolta voglio raccontarvi la storia di uno chef a Torino. Si chiama Massimiliano Brunetto e lavora all'Aglio di Via Curtatone a Torino, a le Vitel Etonnè. Massimiliano è bravo, è giovane e talentuoso.

Moody significa bizzarro, cupo, di malumore, imbronciato, lunatico, malinconico, triste, non so a quale di questi termini si riferisse il proprietario di questo ristorante a Torino in via san Domenico quando ha battezzato il suo locale, ma mi piace pensare che sia un po’ tutte queste cose a seconda di come ti senti quella sera.